21 Gennaio 2015
  • SALONE INTERNAZIONALE DEL LIBRO

Presentata oggi la 28° edizione del Salone Internazionale del Libro

Il tema conduttore del 28° Salone Internazionale del Libro di Torino, in programma a Lingotto Fiere da giovedì 14 a lunedì 18 maggio 2015, è Le meraviglie d’Italia. Lo hanno annunciato oggi durante la conferenza stampa che sì è svolta al Sermig - Arsenale della Pace di Torino a cui sono invertenuti Rolando Picchioni, Presidente Fondazione per il Libro, la Musica e la Cultura; Ernesto Ferrero, Direttore editoriale Salone Internazionale del Libro; Antonella Parigi, Assessore alla Cultura, Regione Piemonte; Peter Dettmar, Console Generale di Germania a Milano; Bärbel Becker, Direttore Progetti Internazionali Frankfurter Buchmesse; Lidia Ravera - Assessore alla Cultura, Regione Lazio; Piero Fassino, Sindaco della Città di Torino.

Nell’anno di Torino Incontra Berlino, Paese Ospite d’onore è la Germania, presente con un grande stand interattivo nel Padiglione 3 e oltre venti autori che presenteranno le loro opere pubblicate in Italia: rappresentanti dei generi letterari più diversi, dal thriller al saggio, dal libro illustrato all’epopea familiare. Regione Ospite d’onore il Lazio, presente con i suoi autori ed editori.

Sono confermati  tutti i progetti e le sezioni speciali: il Bookstock Village nel Padiglione 5; Officina. Editoria di Progetto nel Padiglione 1, dedicata agli editori indipendenti e curata da Giuseppe  Culicchia; Adotta  uno  scrittore; Nati  per  Leggere;  il  Concorso  Nazionale  Lingua MadreVoltapagina;  l’International  Book  Forum  per  lo  scambio  dei  diritti  editoriali; l’Incubatore per i giovani editori con meno di 24 mesi di vita; Casa CookBook per l’editoria dedicata  al  cibo  e  alla  cucina;  l’area  di  Book  to  the  Future  dedicata  alle  startup  e all’innovazione nel campo dell’editoria digitale.

Hanno già confermato la loro presenza tutti i grandi gruppi editoriali e i marchi storici tradizionalmente presenti al Salone. Si segnala un boom di richieste di adesione all’Incubatore: a gennaio sono infatti già 18 le case editrici nate da meno di 24 mesi che hanno dimostrato vivo interesse al progetto. Un dato importante, in un momento difficile del mercato, che conferma la capacità del Salone di Torino di valorizzare le giovani realtà editoriali indipendenti, fondamentale risorsa del patrimonio di creatività e innovazione d’impresa del

Da quest’anno l’Iva sugli ebook è scesa al 4%: il Salone sarà anche la prima occasione significativa per tracciare un primo bilancio degli effetti di questo provvedimento sul mercato del libro elettronico.

Il Salone Off, che porta gli autori del Salone fuori dal Lingotto e che lo scorso anno totalizzò circa 500 eventi in 250 location di tutte le 10 Circoscrizioni di Torino e 6 località della provincia, nel 2015 si allargherà ad altri Comuni che ne hanno fatto richiesta.

Il prezzo del biglietto intero – fermo da cinque anni - resta anche per il 2015 a 10 €. Immutato a 2,50 € anche il ridotto junior dai 3 agli 11 anni. A breve sul sito salonelibro.it la tabella completa con le tariffe e la biglietteria online.

Anche quest’anno l’Associazione delle Fondazioni di origine bancaria del Piemonte mette a disposizione dei ragazzi delle scuole piemontesi 12.000 ingressi per entrare gratuitamente al Salone 2015.

I PROGETTI SPECIALI
Terza edizione per Casa CookBook
Cucina e cultura si incontrano a Casa CookBook, l’area interamente dedicata alle pubblicazioni enogastronomiche. Giunto al terzo anno di vita, il progetto coinvolge appassionati e curiosi alla ricerca delle ultime novità editoriali del settore o desiderosi di vedere alcuni dei più rinomati chef italiani e dei volti più noti della televisione. L’area espositiva ospita tutte le pubblicazioni che affrontano, a 360 gradi, l’universo “food”: manuali di cucina e pasticceria, piatti regionali e cibo etnico, fino all’immancabile pizza. Non mancano approfondimenti sul beverage, con focus su vini e birre, pubblicazioni dedicate a intolleranze alimentari – con particolare attenzione alla cucina gluten free - e tutti i must del mondo vegan. Casa Cookbook è un luogo per tutti i gusti e tutti i palati, dagli amanti delle nuove tendenze in fatto di food design, impiattamento e arte della tavola, ai tradizionalisti alla ricerca di sapori e saperi antichi o caserecci. Un’occasione per intraprendere un gustoso itinerario alla scoperta delle profonde radici culturali alla base di una delle più diffuse passioni del momento. Confermata la Show Kitchen, un ampio spazio da 100 posti dotato di tutte le più moderne attrezzature dedicato ai cooking show. Qui tutti i giorni chef, maestri pasticceri, personaggi tv e rinomati foodblogger si alternano ai fornelli per realizzare le loro creazioni e guidare il pubblico con consigli e suggerimenti pratici.


Tornano le startup a Book to the future
A Book to the future la parola d’ordine è innovazione. L’area dedicata a ebook, editoria digitale e nuove tecnologie ospita per il secondo anno consecutivo 10 startup internazionali che offrono servizi innovativi per la fruizione dei contenuti editoriali. Un progetto che intende rispondere ai bisogni di un settore che sta vivendo profondi mutamenti tecnologici e una continua evoluzione e che l’anno scorso ha riscosso grande successo sia tra il pubblico sia tra gli operatori del settore. Anche quest’anno dunque, Book to the future si propone come luogo privilegiato per scoprire quali saranno gli strumenti del futuro di editori, creativi e autori e le relative opportunità di business. Nei prossimi giorni sarà disponibile online il bando internazionale attraverso il quale verranno selezionati i 10 progetti che avranno l’opportunità di partecipare gratuitamente alla XXVIII edizione del Salone. Tre dei 10 posti in palio saranno riservati ad aziende del territorio piemontese. Nella valutazione dei progetti si terrà conto di parametri come innovatività del prodotto/servizio, uso originale di tecnologie, fattibilità del progetto, capacità di ingaggio di editori e lettori, creatività e originalità del progetto. L’innovazione è inoltre al centro degli incontri nella Sala book to the future, dove ogni anno vengono trattati tutti i temi caldi del momento, dal selfpublishing agli open data alle professioni dell’editoria 2.0; quest’anno non mancherà un approfondimento sui primi effetti sul mercato prodotti dall’abbassamento al 4% dell’Iva sugli ebook.  

I debuttanti all’Incubatore
Confermato nel Padiglione 1 l’Incubatore, il progetto del Salone che mira a coltivare l’editoria del futuro.  Rivolto alle case editrici con meno di 24 mesi di vita e non legate a grandi gruppi editoriali, il progetto valorizza le giovani realtà indipendenti, magari piccole per dimensioni, ma che insieme costituiscono una grande risorsa del nostro patrimonio culturale.  Un’opportunità unica per i debuttanti del mondo dell’editoria, che hanno la possibilità di partecipare alla più importante manifestazione culturale italiana a costi contenuti e con numerose agevolazioni – sala incontri gratuita, convenzioni sull’accommodation.
Il contesto dell’Incubatore stimola il confronto tra piccole e giovani realtà che stanno vivendo esperienze simili e si offre inoltre come guida per gli editori nel loro percorso di crescita. Ogni anno, infatti, il Salone organizza per i partecipanti il ciclo di appuntamenti Striscia Business, incontri con librerie indipendenti, biblioteche, distributori e uffici stampa di importanti case editrici nazionali. I neoeditori hanno così l’opportunità di confrontarsi con i professionisti del settore, raccogliere informazioni preziose e individuare le strategie migliori per farsi strada nel mercato editoriale. Proprio nell’ottica di creare un percorso, anche quest’anno verrà la data, alle case editrici che hanno già preso parte al progetto nel 2014 – e che non hanno ancora superato i due anni di attività –la possibilità di ripartecipare all’Incubatore.
Giunto nel 2015 alla nona edizione, l’Incubatore si è consolidato negli anni come un vero e proprio trampolino di lancio per affermarsi a livello nazionale. Delle oltre 220 case editrici ospitate, infatti, molte sono diventate realtà affermate nel panorama editoriale italiano: è il caso di Area51 Publishing, Intermezzi, Lo Stampatello, Marotta&Cafiero, Tunuè.

Gli affari continuano all’Ibf
Giunge al quattordicesimo anno di vita l’Ibf – International Book Forum, la business area del Salone dedicata allo scambio di diritti editoriali per la traduzione e non solo, in programma da giovedì 14 a sabato 16 maggio nei locali del Centro Congressi Lingotto. Ibf è un momento fondamentale di business per editori e agenti letterari di tutto il mondo, che ogni anno giungono a Torino per incontrarsi, individuare nuovi contatti e fare affari. La formula è sempre quella collaudata dello speed date, resa ancor più efficace grazie all'innovativo sistema di agenda online che schedula gli appuntamenti, ottimizzando le disponibilità di ciascun partecipante.  Obiettivo di quest’anno è superare il record dei 700 operatori professionali accreditati nel 2014, di cui circa 250 stranieri, provenienti da 27 Paesi (tra cui Canada, Stati Uniti, Messico, Cile, Brasile, Russia e Turchia, per citarne alcuni).
Grande attesa per l’arrivo della delegazione tedesca: si prospetta infatti un boom di delegati provenienti dal Paese Ospite di questa edizione del Salone. Già confermata inoltre, una forte partecipazione dell’editoria araba, in particolare da Emirati Arabi, Egitto, Libano e Siria.
L’iniziativa rientra nel Progetto Integrato di Filiera (Pif) Torino-Piemonte Graphic Arts & Excellences, gestito dal Centro Estero per l’Internazionalizzazione (Ceipiemonte) su incarico della Regione, di Unioncamere Piemonte e delle Camere di Commercio del Piemonte. Obiettivo del Pif è lo sviluppo internazionale della filiera piemontese composta da editoria grafica e cartotecnica, partendo da un’offerta aggregata di eccellenze, e la creazione di partenariati commerciali con clienti internazionali. Confermato anche per il 2015 il contributo economico e organizzativo di ICE-Agenzia.


Terza edizione per Casa Cookbook
Cucina e cultura si incontrano a Casa CookBook, l’area interamente dedicata alle pubblicazioni enogastronomiche. Giunto al terzo anno di vita, il progetto coinvolge appassionati e curiosi alla ricerca delle ultime novità editoriali del settore o desiderosi di vedere alcuni dei più rinomati chef italiani e dei volti più noti della televisione. L’area espositiva ospita tutte le pubblicazioni che affrontano, a 360 gradi, l’universo “food”: manuali di cucina e pasticceria, piatti regionali e cibo etnico, fino all’immancabile pizza. Non mancano approfondimenti sul beverage, con focus su vini e birre, pubblicazioni dedicate a intolleranze alimentari – con particolare attenzione alla cucina gluten free - e tutti i must del mondo vegan. Casa Cookbook è un luogo per tutti i gusti e tutti i palati, dagli amanti delle nuove tendenze in fatto di food design, impiattamento e arte della tavola, ai tradizionalisti alla ricerca di sapori e saperi antichi o caserecci.
Un’occasione per intraprendere un gustoso itinerario alla scoperta delle profonde radici culturali alla base di una delle più diffuse passioni del momento. Confermata la Show Kitchen, un ampio spazio da 100 posti dotato di tutte le più moderne attrezzature dedicato ai cooking show. Qui tutti i giorni chef, maestri pasticceri, personaggi tv e rinomati foodblogger si alternano ai fornelli per realizzare le loro creazioni e guidare il pubblico con consigli e suggerimenti pratici.



Tornano le startup a Book to the future
A Book to the future la parola d’ordine è innovazione. L’area dedicata a ebook, editoria digitale e nuove tecnologie ospita per il secondo anno consecutivo 10 startup internazionali che offrono servizi innovativi per la fruizione dei contenuti editoriali. Un progetto che intende rispondere ai bisogni di un settore che sta vivendo profondi mutamenti tecnologici e una continua evoluzione e che l’anno scorso ha riscosso grande successo sia tra il pubblico sia tra gli operatori del settore. Anche quest’anno dunque, Book to the future si propone come luogo privilegiato per scoprire quali saranno gli strumenti del futuro di editori, creativi e autori e le relative opportunità di business. Nei prossimi giorni sarà disponibile online il bando internazionale attraverso il quale verranno selezionati i 10 progetti che avranno l’opportunità di partecipare gratuitamente alla XXVIII edizione del Salone. Tre dei 10 posti in palio saranno riservati ad aziende del territorio piemontese. Nella valutazione dei progetti si terrà conto di parametri come innovatività del prodotto/servizio, uso originale di tecnologie, fattibilità del progetto, capacità di ingaggio di editori e lettori, creatività e originalità del progetto. L’innovazione è inoltre al centro degli incontri nella Sala book to the future, dove ogni anno vengono trattati tutti i temi caldi del momento, dal selfpublishing agli open data alle professioni dell’editoria 2.0; quest’anno non mancherà un approfondimento sui primi effetti sul mercato prodotti dall’abbassamento al 4% dell’Iva sugli ebook.  


I debuttanti all’Incubatore
Confermato nel Padiglione 1 l’Incubatore, il progetto del Salone che mira a coltivare l’editoria del futuro.  Rivolto alle case editrici con meno di 24 mesi di vita e non legate a grandi gruppi editoriali, il progetto valorizza le giovani realtà indipendenti, magari piccole per dimensioni, ma che insieme costituiscono una grande risorsa del nostro patrimonio culturale.  Un’opportunità unica per i debuttanti del mondo dell’editoria, che hanno la possibilità di partecipare alla più importante manifestazione culturale italiana a costi contenuti e con numerose agevolazioni – sala incontri gratuita, convenzioni sull’accommodation.
Il contesto dell’Incubatore stimola il confronto tra piccole e giovani realtà che stanno vivendo esperienze simili e si offre inoltre come guida per gli editori nel loro percorso di crescita. Ogni anno, infatti, il Salone organizza per i partecipanti il ciclo di appuntamenti Striscia Business, incontri con librerie indipendenti, biblioteche, distributori e uffici stampa di importanti case editrici nazionali. I neoeditori hanno così l’opportunità di confrontarsi con i professionisti del settore, raccogliere informazioni preziose e individuare le strategie migliori per farsi strada nel mercato editoriale. Proprio nell’ottica di creare un percorso, anche quest’anno verrà la data, alle case editrici che hanno già preso parte al progetto nel 2014 – e che non hanno ancora superato i due anni di attività –la possibilità di ripartecipare all’Incubatore.
Giunto nel 2015 alla nona edizione, l’Incubatore si è consolidato negli anni come un vero e proprio trampolino di lancio per affermarsi a livello nazionale. Delle oltre 220 case editrici ospitate, infatti, molte sono diventate realtà affermate nel panorama editoriale italiano: è il caso di Area51 Publishing, Intermezzi, Lo Stampatello, Marotta&Cafiero, Tunuè.

  • Facebook
  • Twitter
  • Twitter
  • Twitter

SALONE INTERNAZIONALE DEL LIBRO

XXVIII edizione
14-18 maggio 2015

Organizzazione
Ente Promotore: Fondazione per il Libro, la Musica e la Cultura
Via Santa Teresa, 15 – 10121 Torino
T + 39 011 5184268 - F + 39 011 5612109
Organizzazione: GL events Italia S.p.A.-Lingotto Fiere
Via Nizza, 294 - 10126 Torino
Vai alla scheda dettagliata    commerciale@salonelibro.it    www.salonelibro.it